Site Loader
Keep the Change The change of the time London 76

time to change



Il cambio del tempo può’ essere estremo e veloce, come l’umore.

Forse e’ per questo che ogni giorno controllo le previsioni del tempo, per vedere se saranno variabili in modo estremo come il mio stato d’animo.

Non e’ facile navigare in questa società’, forse perché’ sto invecchiando o forse perché’ tutto e’ più’ estremo, non lo so di preciso, ma sta di fatto che sentirsi insultati dal Primo Ministro del Paese che hai considerato tuo per 19 anni, non e’ facile da digerire.

Sono due anni che mi sento perso. Che mi sento confuso, che non ho proprio un luogo dove vivere e sentire casa mia.

Mi piacerebbe fuggire, andare in un Paese dove non parlo e non capisco la lingua locale. Sono certo che anche li, in questo momento storico, stanno dicendo baggianate e offendendo il prossimo, ma almeno non le capisco.

Bob Dylan e’ sempre una garanzia

Mi proteggo con la lingua come dentro una grotta. L’ignoranza mi da calma e rilassatezza. Posso riascoltare Dylan o controllare la formazione dell’Arsenal per la domenica che arriva.

Guardo fuori dalla finestra per vedere se piove o se c’e’ il sole, con l’unica preoccupazione se mettere la giacca spigata e cool che ho preso in centro alcune settimane fa oppure lo spolverino con cappuccio scaccia acqua di che mi accompagna oramai da 4 anni.

Idiot Wind direbbe Bob Dylan e il poeta-musicista americano e’ sempre una garanzia quando il mio morale e’ non dei migliori.

Se Boris Johnson mi offende, e’ Bob Dylan a darmi la spinta per combatterla. Se Farage e’ cosi fastidioso che mi tocca spegnere la Tv anche stasera, e’ Tangled Up in Blue di Bob Dylan che mi fa riappiccicare con l’Universo intero.

Poche settimane fa era il mio compleanno e non festeggiato in nessuna maniera. Non c’era nulla da festeggiare. Ho solo bisogno di fuggire. Stanco come mai stato in vita mia cerco stimoli per riprendere una strada, non importa quale.

Ma una strada deve essere li, anche per me.

Happy New year
Antimo Magnota at the V&A in London

Antimo Magnotta: The “Italian pianist” at the V&A in London proved that life is still worth living.

By Massimo Usai (L’Intervista in italian cliccando qui) When two Italian meets in London, the discussions always go in the same way: some words about Italy and many comments about how we are doing in life. I met Antimo by accident a few years ago. One day, Tony, a good friend of mine, with the […]

Antimo Magnotta play live in London

Antimo Magnotta, Il Pianista Italiano alla V&A di Londra che dimostra come la vita e’ degna d’essere vissuta per intero.

Intervista di Massimo Usai Quando due italiani si incontrano a Londra, le discussioni vanno sempre super giu’ allo stesso modo: alcune parole sull’Italia e molti commenti su come va la vita nella nuova citta’. Ho incontrato Antimo  per caso qualche anno fa, mentre faceva il suo lavoro: Il Pianista. Un giorno, Tony, un mio caro amico […]

England and his voting system

A nightmare for England that the elite are taking advantage of? No. 1 Problem: The controversial voting system!

By Massimo Usai How on Earth has England ended up with a system that allows the vilest people in the land to be voted into power by a minority who are at best misguided, at worst, deranged? The voting system it’s for sure the problem. There is no doubt It’s so antiquated and out of […]

Massimo Usai

Leave a Reply

Related Posts More From Author